L’ acqua in bottiglie di plastica è sicura? Dipende dalla plastica.

Sono in molti che bevono l’acqua in bottiglie di plastica,ma questo è un contenitore sicuro?Dipende dalla plastica utilizzata.

Ecco cosa devi controllare. Sempre molti più consumatori acquistano acqua in bottiglie di plastica, preferita a quella in bottiglie di vetro perchè più economica, o per meglio dire, il contenitore è più economico. Ma un qualsiasi prodotto “lo paghi tanto quanto vale”.

E’ evidente che è molto più consigliato l’acquisto di acqua in bottiglie di vetro, sia perchè è un materiale che mantiene il gusto meglio della plastica, sia perchè nel tempo non perde le sue proprietà e quindi non rilascia sostanze dannose.

Ma non è sconsigliato acquistare acqua in bottiglie di plastica solo per il bene della nostra salute, ma anche per un aspetto ecologico. L’uso indiscriminato della plastica ha causato (e causa) non pochi danni all’ambiente. La plastica è una sostanza che il nostro pianeta fa fatica a metabolizzare, più o meno come un alimento che facciamo fatica a digerire.A differenza del vetro, il quale deriva dalla roccia, molto più facile da metabolizzare.

Le bottiglie di plastica in genere sono prodotte con materiali adatti al contatto con gli alimenti, in quanto le materie prime usate per contenitori e bottiglie alimentari sono “Food grade” (di livello adatto per alimenti) ossia di una purezza tale per cui non possono contenere sostanze o additivi nocivi, mutageni o dannosi per la riproduzione.

È però logico che una bottiglia pensata e commercializzata come monouso (come nel caso delle bottiglie d’acqua), dopo svariati cicli di utilizzo potrebbe perdere le caratteristiche sia tecnologiche sia chimiche, e quindi non essere più idonea a entrare in contatto con gli alimenti. Quindi vale la pena sostituirle ogni tanto, ma se si usano una sola volta è ancora meglio…

In qualsiasi caso però, è bene sempre controllare l’acqua in bottiglie di plastica leggendo le etichette. Questo perchè le lettere presenti nel simbolo del riciclo (foto sotto) ci dicono tanto sulla plastica utilizzata. Ecco quello che bisogna sempre sapere:

phpBLxptuPM

Se nell’etichetta c’è scritto PET o PETE (Polietilene tereftalato), la plastica delle bottiglie, specie se riutilizzata più volte, può aver contaminato l’acqua con metalli e sostanze chimiche in grado di influenzare l’equilibrio ormonale nel vostro corpo.

Se nell’etichetta c’è scritto HDP o HDPE (Polietilene ad alta densità), l’acqua presente nella bottiglia molto probabilmente non è stata contaminata da nessuna sostanza nociva. Se nell’etichetta c’è scritto 3V o PVC (Cloruro di polivinile), non bisogna assolutamente bere quell’acqua.

Questo tipo di plastica rilascia sostanze chimiche tossiche che influenzano il nostro equilibrio ormonale. Se nell’etichetta c’è scritto LDPE (Polietilene a bassa densità) è molto strano. Perché l’LDPE è usato soltanto per fare i sacchetti di plastica.

Se nell’etichetta c’è scritto PS (Polistirene o Polistirolo), la plastica potrebbe rilasciare sostanze cancerogene. Solitamente questo materiale viene utilizzato per la produzione di tazze da caffè americano (stile Starbucks) e i contenitori per cibo da fast food.

Se nell’etichetta c’è scritto PC (Policarbonato) oppure non c’è nessuna etichetta, molto probabilmente la plastica contiene la BPA (Bisfenolo) un distruttore endocrino. Questo tipo di materiale è usato spesso nella produzione di contenitori per alimenti e borracce per l’acqua (come quelle dei ciclisti). Fonte

SEGUICI SU FACEBOOK:

CONDIVIDI SU:

Commenti

commenta